In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

domenica 30 marzo 2014

STAFFETTA DI MILANO

Attenzione : Per tutti i partecipanti alla prossima staffetta di Milano, ritrovo mercoledì 2 aprile alle ore 18.45 presso lo spogliatoio, per definire i particolari e la logistica.
Ciao

sabato 29 marzo 2014

Corre in bici la maratona di Roma per migliorare il record: squalificato

Da il Corriere della Sera.. Questi non sono runner. Lo scopo? prendere in giro se stessi? A voi i commenti...... In totale sono 61 i podisti sanzionati. In passato c’è chi ha usato metro, bus e taxi Corre in bici la maratona di Roma per migliorare il record: squalificato Cappello sul volto per nascondersi davanti ai giudici, il pettorale coperto da una maglietta. Ma i giudici lo scoprono. E lo cancellano dall’ordine d’arrivo Volete fare un buon tempo a una maratona ? Non serve che vi alleniate tanto: basta inforcare una bicicletta, indossare una maglietta che copra il pettorale e un cappellino che nasconda il volto, passare così «travestiti» tutti i controlli (quelli con i chip), lasciare la bici a un amico verso il quarantesimo chilometro e percorrere gli ultimi due dopo avere gettato via shirt e berrettini serviti per architettare l’imbroglio. Se ve la sentite, fate anche un allungo nel finale per superare qualche concorrente che avendo corso a piedi i massacranti 42 chilometri è sicuramente un po’ più stanco di voi. Così facendo chiuderete, se vi contentate, la maratona in 2h 45’ circa. E’ successo all’ultima Maratona di Roma, il 23 marzo. Ma i giudici (un «collegio» che comprende la Fidal- Federazione atletica, gli organizzatori della Maratona e i tecnici della Tds che forniscono i chip che consentono la rilevazione elettronica) sono stati inflessibili. Dopo un’indagine condotta incrociando tempi, foto e video hanno squalificato il podista-ciclista, cancellandolo dalla classifica ufficiale. Squalificati 61 runner Una «condanna» inflitta anche ad altri 60 runner (il record è del 2012: oltre 230). Tutti furbetti che, in un modo o nell’altro, hanno dribblato i controlli usando metodi scorretti: chi la bici, appunto. Ma anche tassì, bus e metro, come emerge da una catalogazione riguardante i casi degli ultimi anni redatta sempre dallo staff della corsa dell’Urbe. Nell’edizione 2014 gli squalificati sono tutti italiani, oltre a un rumeno. Proporzione che certo non rispetta quella degli iscritti: 19 mila in totale, tra cui 8 mila stranieri. Insomma: gl’imbroglioni hanno tutti i natali nel Belpaese. «Chi va in macchina, chi in bici» Questo comportamento scorretto, e diffusissimo in tutte le gare dalla Sicilia al Trentino, resta incomprensibile: la corsa è un divertimento. E non si capisce (dato che i professionisti alle maratone sono una minima parte rispetto agli amatori) che motivo ci sia di barare, visto che in palio non c’è nulla, se non una migliore posizione negli ordini d’arrivo. Eppure sono in tanti a provarci, tentati forse dall’idea degli sfottò da indirizzare poi ai compagni d’allenamento. Si tratta di «gente con pettorali fotocopiati, pettorali di altre gare, gente che corre con 2-3 chip, chi corre col pettorale di un altro, chi senza, chi fa un pezzo in macchina chi in bicicletta», raccontano ancora arrabbiatissimi al comitato organizzatore della «mezza» RomaOstia dove peraltro i controlli sono assai severi. Maratona di Roma «severissima» Da cinque anni barare alla maratona di Roma, massima competizione italiana per numeri di iscritti, è comunque difficilissimo, se non impossibile. Tds, una delle maggiori società italiane che si occupa di cronometraggi, ha messo a punto un sistema di verifiche (che incrocia al computer video, foto e tempi ai passaggi intermedi) in grado di azzerare ogni possibilità di truffa sportiva. Se pensate di prendere il tassì, tagliando così il percorso senza passare per i varchi-controllo, sappiate che non avete chance di farla franca. Come ha scoperto a sue spese il runner, tesserato per una delle maggiori società romane, che ha corso gran parte dei 42 chilometri in bici: l’imbroglio che aveva architettato è stato scoperto dalle telecamere e dalle macchine fotografiche dei rilievi ufficiali. Verdetto inappellabile: nei filmati e nelle immagini il chip sotto inchiesta «lampeggiava» invariabilmente al transito di quel tizio che pedalava in canotta nera e col volto nascosto dal berrettino da baseball. Un comportamento singolare, già notato in gara da altri concorrenti. Tra questi Mario Moretti, il curatore del sito www.mariomoretti.it che del podismo romano e nazionale rappresenta un po’ la «bibbia», pubblicando con precisione tutti risultati, classifiche e calendari. E’ stato proprio Moretti, anche lui alla maratona, a fornire ai giudici la segnalazione di quella bici sul percorso. Facendo così partire l’accertamento. Le bici Quanto alle biciclette, sul percorso di gara non sono ammesse per ragioni di sicurezza. Fanno eccezione gli accompagnatori di runner disabili. A cui si aggiungono magari «tifosi» che hanno semplicemente voglia di incitare familiari o amici podisti. A questi però si mescolano i furbetti che usano la bici per migliorare scorrettamente i record personali. La condanna «morale» Fermarli in mezzo alla fiumana di corridori è impossibile. «Se ti metti davanti ti puntano, se provi a prenderli per un braccio ti denunciano ai carabinieri per aggressione (dopo averti messo le mani addosso a loro volta “per legittima difesa”», racconta uno dei giudici Fidal che ha condotto l’indagine che ha portato alla squalifica del maratoneta in bici. Se il podista furbacchione dovesse bissare la furbata, non potrà più iscriversi ai 42 chilometri di Roma. Ma chissà se basterà per evitare la tentazione di riprovare a correre una maratona pedalando.

sabato 22 marzo 2014

VOGLIAMO TORNARE A CORRERE !!!

AIUTO ! Vogliamo tornare a correre e questo è il grido che parte dagli infortunati che riempiono le astratte corsie degli astratti centri di recupero che orbitano intorno alla nostra società.

FABIO fermo o quasi da 3 mesi per stanchezza
VALERIO fermo totale da 10 gg per infiammazione al piede e tendine ma a rilento da 2 mesi
MAURIZIO fermo da 7 gg per forte dolore all'anca
PINO dolore ad una gamba che si trascina da 3 mesi
ALAIN in fase di recupero
EMANUELE fermo da 3gg per "pestone" alla caviglia
e forse dimentico qualcuno !

Per i primi 4, sarà l'eta' ? Se lo pensate, vi prego, non ditelo. Saranno le uscite in montagna ? NO, ci mancano da morire e non corriamo per i nostri amati sentieri da novembre. Sarà una fase del percorso atletico da mettere in conto ? Forse ma se non guariamo in fretta SCLERIAMO.
E, caso vuole, per alcuni capita proprio in prossimità di importanti appuntamenti come la staffetta di Milano e la Mezza di Genova. Difficile pensare di portarle a termine in queste condizioni (per me in particolar modo) e allora ? Che fare ? A quali santi votarsi ? Di persona non ne conosco alcuno se non di vista ma non sono così in confidenza da chiedere una grazia.
Quindi ? Nulla, continuiamo a girovagare nei centri di recupero in attesa che tutto passi e certamente tutto passerà, rimane in sospeso la cura contro la SCLERATA di cui parlavo.
Almeno i sani continuino ad allenarsi !!!
Valerio

martedì 18 marzo 2014

PIZZATA DI SABATO 22 MARZO

Ciao a tutti,
vi ricordo e confermo la "pizzata" per sabato 22 marzo presso la pizzeria MagicClem con ritrovo alle ore 20,00 presso la pizzeria stessa.
Per chi non avesse ancora aderito ma volesse unirsi alla compagnia, prego darmene comunicazione entro e non oltre giovedì.
Grazie, a presto.

28 settembre 2014

domenica 16 marzo 2014

Auguri a...

Ciao, scusate il ritardo ma oggi il nostro Valerio compie gli anni. circa 25/30. Tanti Auguri.

mercoledì 12 marzo 2014

Raccomandazioni Gallanix

Concordo totalmente con ciò che espone l'esperto Roberto riguardo la preparazione della mezza di Genova anche se chi scrive non è certo un esempio da seguire per quanto riguarda il seguimento di tabelle e rispetto delle regole di base di una preparazione avendo io stesso una tendenza molto ludica, giocosa nonché "goliardica" nel vivere gare e allenamenti, oltre che per impegni di lavoro,nonostante non mi manchi una certa vena agonistica applicata sempre nei miei limiti. L'inesperienza, l'entusiasmo e perché no la competitività che è giusto che ci sia in ognuno di noi, rischia talvolta di farci commettere degli errori che inevitabilmente ti presentano il conto spesso nel momento topico, cioè quello della gara cosi faticosamente  preparata. Noto anch'io e ne abbiamo parlato a lungo con i cari compagni e amici Petruz, Gallanix, Fabio etc, che per molti c'è la tendenza a non tenere i propri ritmi e distanze d'allenamento per stare o provare a stare al passo con chi notoriamente va più di noi ma il nostro timore è quello che si rischi di arrivare a Genova stanchi deludendo le proprie aspettative dopo tanti sacrifici.
Poi, comunque, la gara vada come vada, basta divertirsi ma sono certo che ognuno riserva in se un obbiettivo da raggiungere ed è bene che ci si provi fino in fondo.
Buone corse a tutti.

Raccomandazione BIS....

Ciao,

non avendo letto Vs. commenti in merito, vi ripropongo per esteso quanto "coach Gallanix" ha esposto:



A quattrocchi!
…”per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?”…




Da alcune considerazioni tratte dai commenti degli atleti che si stanno applicando con mirabile impegno alla preparazione della mezza maratona di Genova seguendo le tabelle proposte, preme  riproporre ancora alcune necessarie considerazioni, ricordando che comunque ognuno è libero di fare ciò che vuole.

martedì 11 marzo 2014

Pensione o autocelebrazione?



Ciao a tutti,

quelle che vedete qui sopra sono le due facce della stessa medaglia.
Purtroppo non si vedono benissimo a causa dello strumento utilizzato e della mia incapacità a fare fotografie ma se leggete attentamente su quella di destra, in piccolo, è incisa una data che, per me a livello sportivo, è molto importante: 

11-3-79

11 Marzo 1979... 35 anni fa oggi!

Scusate la piccola autocelebrazione ma pensate alla vita lavorativa di una persona... con le vecchie norme, oggi sarei potuto andare in pensione e invece a causa dei nostri tanto poco amati politici mi toccherà "lavorare" almeno fino al compimento dei 65 anni di età e, conti alla mano (e pure toccando ferro), sono almeno altri 18 di vita sportiva.

La ricordo ancora bene quella gara: Arluno, 2 km di campestre terzo assoluto alla mia prima gara ufficiale... indovinate un pò chi mi arrivò davanti?
Qualcuno lo sa sicuramente perchè ne ho già parlato altre volte nello spogliatoio, per gli altri invece sappiate che uno dei due "fetentoni" è uno dei miei più cari amici e che condivide lo spogliatoio con noi (Massimo Bartoli) e l'altro è anche lui un ex-atleta di Parabiago, che non ho mai conosciuto direttamente, e ha il nome di Cristiano.

La gara:
non mi conosce nessuno, neanche i miei dirigenti della gloriosa che fu Atletica Rozzano, e non ho la benchè minima idea delle mie qualità di corridore... ma si parte.
Scappo come un forsennato temendo che gli spiritelli al mio inseguimento mi possano raggiungere, non do retta neanche a chi mi consiglia più miti propositi:"ralllenta che scoppi..." mi strillano tutti ma io imperterrito tiro diritto, non li ascolto... sono troppo entusiasta... anzi, mi chiedo: "ma sono così schiappe questi qui? Io senza allenamento me li sto bevendo tutti..."... nessuna tattica, solo istinto e corsa come quando i più grandi ci rincorrevano (quei prepotenti!!!) nei cortili di Rozzano...

Purtroppo non finì come mi ero prefissato e proprio sulla retta di arrivo mi superano prima uno e poi "quell'altro"...

Ricordo di non essere stato felicissimo della cosa, ero molto triste per l'epilogo e sulla strada del ritorno a casa non mi davo pace...

Fu però l'inizio di una delle più belle esperienze di vita che un ragazzo appassinato di sport possa augurarsi:
grazie all'Atletica ho avuto la fortuna di "svezzarmi" e diventare autonomo molto presto, di conoscere ottimi amici, di vedere la migliore e bella gioventù che si possa immaginare, sana competizione e bei rapporti che sono proseguiti per tutti questi anni, il profumo dei campi gara (cross e pista, indifferentemente) davvero inebrianti...
Ce ne srebbero a bizzeffe di aneddoti ed episodi da raccontare ma quelli li tengo per me almeno fino al raggiungimento della vera pensione.
Posso solo dire di essermi divertito, anzi che mi sto divertendo ancora un mondo, ho ottenuto risultati sportivi di livello che solo gli infortuni e la mia eccessiva "scemenza" non mi hanno permesso di migliorare ulteriormente... chissà! 
Però va bene così, pensate al film "sliding doors", se fosse accaduto così o cosà non vi avrei mai conosciuto e questa sicuramente sarebbe stata la peggiore delle "cazzate" sportive che pottessi commettere.

Grazie dell'attenzione e buone corse.

Roberto.



Cari mezzimaratoneti...

... futuri possibili, probabili....


Il Ns. coach "Gallanix il druido gallico" (noto maestro alchemico e non solo) ci tiene a sottolineare alcuni aspetti (che io condivido in toto) emersi in questi giorni in merito agli allenamenti che si stanno svolgendo in preparazione alla mezza di Genova.

Sono considerazioni e consigli che vanno opportunamente valutati e tenuti sempre in conto.
Vi invito, quindi, a leggere l'allegato qui di seguito.


Ciao.

Roberto P.


a quattrocchi...


p.s.: ci aspettiamo Vs. commenti, dubbi, perplessità e, per chi ha fatto la naja, licenze e permessini...

lunedì 10 marzo 2014

Auguri a...




IVAN



Oggi festeggia il compleanno (10 / 15 / 20  ???) la promessa dell'Atletica Parabiago. Per stasera ci aspettiamo un party degno di nota al campo di gara... e vedi di non mancare!!!


Ciao.


giovedì 6 marzo 2014

Sezione Foto

Ciao,

aggiunta sezione foto sulla barra dei menù.
Era una cosa alla quale pensavo già da qualche tempo (che ultimamamente mi manca, anche a causa di una certa "nausea" da informatica) e quanto proposto è sicuramente il sistema più veloce che mi è venuto in mente e quindi sarà anche migliorabile, per ora spero vi accontentiate.

Comunque:
il link principale https://picasaweb.google.com/101262738588145879585 rimanda alla sezione riservata all'Atletica Parabiago sul portale dove sono stati fino ad ora memorizzati tutti i nostri album.
L'idea è quella di dare continuità alla sezione e si speradi riuscirci.
Il problema principale è, ovviamente, quello di reperire il materiale fotografico selezionandolo gara per gara dai vari fornitori di servizio che gratuitamente mettono a disposizione le loro realizzazioni.
Ah, manca la Parabiago Run di Domenica scorsa ma vedete la nausea di poco prima...

Spero vi sia utile.

Ciao.

Pizzata di Sabato 22 Marzo 2014

Ciao a tutti, 
giusto per continuare nell'opera di aggregazione tra noi atleti e podisti e perché no, per gustarci in compagnia una sana pizza, si propone una serata insieme per il giorno :

SABATO 22 MARZO ORE 20.00

presso la pizzeria MAGICLEM via Santa Maria 112 a Parabiago.
L'invito è esteso ovviamente anche a tutti i famigliari (figli compresi ! ).

Al fine di effettuare la prenotazione della sala, vi sarei grato se ognuno di voi confermasse la propria adesione con il relativo numero dei partecipanti entro 4/5 giorni.
Il preventivo di massima consiste in 1 pizza + 1 bibita + 1 dolce e caffè per € 15,00
Partecipate numerosi anche perché stiamo studiando una simpatica animazione per la serata ma non vi anticipo nulla.

A presto e oltre a pensare a mangiare, alleniamoci !!!
Valerio.


MagiClem

 

domenica 2 marzo 2014

FOTO



PARABIAGO RUN 2014



Ciao a tutti, di seguito l'ordine di arrivo di noi atleti dell' Atletica Parabiago che, come vedrete, ci siamo difesi egregiamente.
Come sempre,bravi e complimenti a tutti.
Nota di merito ad EMANUELE, grande prestazione, primo dei "normali" , grande !!!  a LIA 5° di categoria, sempre in classifica, a PETRUZ che alle prossime Olimpiadi dei master farà il portabandiera.
P.S. I nomi in bianco non so perchè sono venuti così, è già stato per me un miracolo ordinare la classifica, Petruz, pensaci tu !, altra categoria anche informaticamente parlando !

P. As.             Atleta                                    P.Cat.     Tempo

24




8
0:37:01
92




11
0:39:59
129

MARTIGNONI EMANUELE



52
0:41:51
134




56
0:41:56
135




15
0:42:00
137




57
0:42:05
140




58
0:42:12
141




59
0:42:24
165




21
0:43:11
180




76
0:43:45
181




23
0:43:45
184

LOMBARDI LIA



5
0:43:57
213




64
0:45:03
231

FERRARIO ALAIN



99
0:46:07
242




103
0:46:18
273




116
0:48:07
318




14
0:52:09
 319




19
0:52:10 

Parabiago Run Ten 2014

Rieccomi a postare un breve articolo sulla gara a cui ho partecipato oggi. La terza edizione della corsa casalinga ben organizzata dai "cugini" del Betti's grup run.
Siamo in 20 iscritti (credo sia un record per noi Atletica Parabiago) e ci si ritrova puntuali per il riscaldamento tutti insieme. Foto di gruppo e poi pronti alla partenza data puntuale dai miei colleghi giudici di gara Fidal che oggi ho "tradito" per il mio rientro alle competizioni dopo più di tre mesi dall'ultima gara corsa. La forma non può esserci (sono due settimane che mi alleno con relativa continuità) ma la voglia di correre e provare gambe, fiato e testa ci sono eccome.
Parto forse troppo veloce a poco più di 4'15 al primo km per poi stabilizzare il ritmo ai 4'30/4'40. Oggi non posso proprio dare di più e la fatica e' veramente tanta nel secondo dei due giri da 5km che costituiscono il percorso di gara.
Al termine posso dire che sono contento per il rientro alle competizioni da tapascione quale sono e posso guardare fiducioso alla mezza di Genova che correrò a metà aprile. Il tempo per recuperare una buona condizione c'è e la voglia e' tantissima. Settimana prossima appuntamento a Milano per un'altra 10km (Ciovasso) storica dove si proverà a fare meglio di oggi. Ma già domani si corre per gli allenamenti settimanali con l'obiettivo di recuperare il tempo perso.
Un saluto a tutti e compimenti ai miei compagni che si sono ottimamente comportati oggi.

P.s. Il premio per la società più numerosa e' stato ritirato e consegnato al nostro presidente Bartoli.