In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

giovedì 22 ottobre 2015

martedì 20 ottobre 2015

UTLO by FIPILLI

Ciao Amici,

pubblico di seguito il resoconto di Gigi della sua esperienza di Sabato scorso a Omegna.
Buona lettura.

"Ciao a tutti
Eccomi a raccontarvi la mia gara ( gara ?? , mah !!), la ULTRA TRAIL DEL LAGO D’ORTA.Partenza ed arrivo ad OMEGNA .Sabato 17 Ottobre 2015
Prima della cronaca vi do subito i risultati ( pessimi )
tempo impiegato: 6h08’29’’ /passo : 11’:59’’ / Distanza : 28,360 Km.
D+ : 1866 m /D- : 1868
Quota minima : 294 m / Quota massima : 1618 m.
Stima personale : 5h / 5h15 ( toppata in pieno )
Classifica : 212° su 245 arrivati ( pazienza )
Tempo : pessimo. Pioggerellina, nebbia e nuvole basse.Il lago visto alla partenza e poi all’arrivo .E basta.
Le previsioni non prevedono acqua , comunque 10’ prima della partenza inizia a piovere anche abbastanza intensamente.Di corsa quasi tutti a coprirci con i k-way o similari e a metterci i guanti ( compreso il sottoscritto ) visto che la temperatura è attorno ai 9 °C 
Alle 10:00 puntualissimi il via. Subito affrontiamo una salita asfaltata molto ripida di circa 500 metri per poi attraverso un sentiero scivoloso arrivare al paesino di Quarna Sopra .Siamo al 4° Km e qui i 2 percorsi ( 15 Km e 30 km ) si dividono.Durante la prima salita, breve stop per togliere il Kway e i guanti ( cavolata enorme essermi tolto i guanti , poi capirete il perché )
Entriamo in un bosco e comincia una salita molto ripida.Sono al Km 5,5 a circa 1050 metri d’altezza con un D+ di 810 m. Sono solo , faccio molta fatica a salire camminando ( non correndo ) , sono sconsolato,mi fermo a pensare.Mi mancano ancora 23 km e tanta salita ancora da fare.
Vado avanti?Torno indietro ?Che fare ?Decido di tornare indietro.Dopo circa 200 m. incontro un gruppo di 4 persone che salendo mi incitano a continuare ; mi sembra non vadano molte forte e allora mi aggrego.Risalgo.
Dopo 3-400 metri non tengo più il loro passo e li vedo allontanare.
Allora mi rifermo e ripenso al da farsi.Non ho voglia di proseguire, ritorno indietro .
Fatti altri 300- 400 m. a ritroso incontro altre 4 persone che salgono lentamente.
Mi convincono a proseguire con loro.Ci riprovo ma piano piano anche loro si allontanano.
Altra sosta ,però questa volta decido di proseguire , voglio arrivare almeno al 1° ristoro ( +/- 8°Km )
Piano piano salgo e 7° Km dopo la partenza , dopo 2h raggiungo finalmente la prima cima : Monte Mazzoccone a quota 1424 m. con D+ 1138m.
Ho le mani gelatissime, quanto mai ho tolto i guanti !
Comunque ,finalmente inizia un tratto di falso piano e leggera discesa per scendere a quota 1200 m. dove si trova il primo ristoro all’Alpe Camasca.Mi offrono una zuppa molto calda che mi siedo a mangiare con piacere, prendo dell’uvetta, del the caldo, mi metto i guanti  e poi mi avvicino ad un addetto alla protezione civile chiedendogli di riaccompagnarmi alla partenza perché non me la sento di proseguire.
Purtroppo o per fortuna mi risponde che ha già altre 4 persone in attesa e che minimo devo aspettare 1h/ 1h30.
Che fare? Aspetto ? Riparto ? .……Decido di ripartire verso la prossima cima, la più alta della gara: Monte Croce, 1614 m. a circa 3,5 km di distanza dal ristoro e a 11,5 km dalla partenza.
Salita dura, un po' di vento,pioggia leggerissima che scende però ghiacciata e rimbalza bianca sui vestiti neri ( quasi poetica ), credo che non siamo oltre i 2-3 ° C. Dopo 3h22’ arrivo in cima al Monte Croce , siamo al Km 11,500 , con D+ 1553 m . Mi fermo e scambio due chiacchere con gli addetti alla protezione civile e alcuni concorrenti della 58 km ( loro sono attorno al 20 Km), inizia finalmente la parte “ più facile “ perché le grandi salite sono finite
Purtroppo non le difficoltà, perchè la nevitata del giorno prima , seppur leggera, rende la ripida discesa  anche molto scivolosa.
Comunque tra pendii ripidi e scivolosi , falsipiani  in mezzo ai boschi , 4h39’e 17,500 Km dopo il via raggiungo il secondo fornitissimo ristoro. Siamo a 1250 m di quota con un D+ di 1745 m.
Mi siedo a gustarmi un bel piatto di pastina calda , ancora uvette ,the caldo ,un po' di coca ( cola ) ,  mi rimetto lo zainetto e riparto .Il più è ormai fatto.
Una nuova discesa in mezzo al bosco mi vede correre ( si avete letto bene , correre ) sciolto ,superare diversi atleti  per arrivare dopo 5h29’ e 23° km al terzo ristoro , anche lui fornitissimo . Siamo ai Laghetti di Nonio , 552 metri di quota. Prendo la solita uvetta , il the , dei biscotti e mentre sto per ripartire un ragazzo anche lui fermo al ristoro vede la mia maglietta con la scritta Atletica Parabiago .Coincidenza, anche lui abita a Parabiago, non ricordo il nome ma corre per il gruppo Tartarughe della Kirghisia.( conoscete il gruppo ? )
Riparto per il rush finale , supero altri atleti ( in totale ne conto 17 ) , l’ultimo a 150 metri dall’arrivo (perfido ) , ai 100 metri con stupore vedo Pino e Valerio fermi ai bordi ad incitarmi e fotografarmi ( grazie per avermi aspettato così a lungo ,siamo con 2 macchine !! ) e ai 50 finali mio figlio  Andrea che con 1 allenamento blando alla settimana iniziato ad Agosto ha fatto la 15Km.(  un grazie anche al suo amico Oscar per avermi aspettato)
Poi finalmente il traguardo e gli applausi dei presenti.
Indimenticabile !
( L’atleta che ho superato ai 150 m. finali mi ha poi stretto la mano !!!)
Un grandissimo grazie a tutta l'organizzazione perché è stata perfetta , segnaletica chiarissima nonostante il cattivo tempo e che dire dei ristori : insuperabili.
Adesso , dopo 3 giorni lo posso dire: alla prossima .Prima non ne avevo voglia
Ciao
Gianluigi"

domenica 18 ottobre 2015

UTLO OMEGNA

Ciao a tutti,
una Trail non ti tradisce mai, le sensazioni che ti lascia questo tipo di corse, comunque sia andata, non hanno eguali con nessun altro tipo di competizione.
Fatica come sempre tanta, un pò di pioggia, temperatura quasi invernale ma tutto questo non conta quando tagli la linea del traguardo sia che tu abbia fatto 15, 30, 58 oppure 90 km.
La dimostrazione è stata l'eroico Gianluigi detto Fipo cat M65 che dopo 6 ore di gara soffertissima e 30 km nelle gambe, tagliava comunque il traguardo con il sorriso sulle labbra, stravolto ma felice di aver concluso la sua stoica impresa. Gran carattere e non solo !!!
Lascio a lui la personale cronaca della gara.
Alla partenza della 15 siamo io, Pino, Andrea Fipilli e Oscar mentre alla 30 come detto, Gianluigi.
Percorso spettacolare suddiviso in 2 parti (almeno per la 15) , pronti via zompata di 500 mt con notevole pendenza vicino al 18/20 % falsopiano fino a Cireggio, sempre su asfalto, per poi inerpicarsi su una impegnativa salita ciotolata di 4 km che costringe quasi tutti a camminare quindi breve piano nel bosco per recuperare per poi inerpicarsi nuovamente per una corta ma ripidissima salita che portava al culmine della nostra quota massima.
Da lì incomincia una serie di ripide discese alcune molto sconnesse altre corribili ma sempre in uno scenario spettacolare. Al 7° km c'è il ristoro dove l'amico Pino mi aspetta ormai da quasi 3 minuti per correre insieme gli ultimi 8 con una stimolante e utile compagnia.
Grazie Pino sempre molto generoso!
Serie di falsopiani che ci permettono di mantenere un buon ritmo di gara fino ad arrivare sul lungo lago per percorrere gli ultimi 2,5 km e tagliare in volata il traguardo dopo 1°47' al 35° posto su circa 180 partecipanti.
Da li a poco arriva il bravissimo Andrea (il Dna di famiglia lo si vede...) in 1°58' per chiudere Oscar dopo circa 10/15 min da Andrea.
Pasta party in un piacevole clima tipico delle trail in attesa dell'arrivo di Fipo che finalmente alle      h.16,07 termina la sua fatica.
Doveroso fare un plauso alla perfetta organizzazione che ha gestito 4 percorsi per una grande Ultra Trail.
Buone corse a tutti.

lunedì 12 ottobre 2015

7 Campanili 2015 - seconda tappa campionato sociale

Ciao,

"solita" gara (è una delle classiche del panorama podistico locale), tanti partecipanti (forse meno di altri anni ma comunque 1250) e giornata eccellente per la corsa.
Solita nota stonata: la partenza talmente stretta da sentire la puzza delle ascelle dell'atleta in ultima fila... ed io ero a metà...
Quest'anno hanno cambiato il percorso facendo affrontare la prima scalinata dopo oltre 3 km in modo da sgranare ulteriormente gli atleti: qualche risultato è stato ottenuto ma dalla metà in poi la coda c'è stata ugulmente (stando alle foto).
Come al solito sono andato in difficoltà dalla fine della prima scalinata fino all'entrata nel bosco, poi è scattata la molla e sono riuscito a terminare in crescendo, nonostante la scarsa preparazione, recuperando parecchie posizioni.
Intorno alla 70ma posizione ma se penso che un mese fa facevo anche fatica a camminare è già un successo.
Purtroppo non eravamo in molti ma ci siamo fatti onore ugualmente.
Di seguito il tabellino:

PETROZZIELLO                1h06'23"
BELLONI                            1h09'50" 
NICOLINI                           1h10'15"
SANTAMBROGIO            1h11'03"
PATTANO                          1h11'31"
SAITTA                              1h12'40"
SOZZI                                 1h13'29"
MARTIGNONI                  1h14'53"
FIPILLI                              1h17'00"
LUNGHI                            1h17'00"
RAIMONDI                       1h26'40"

Ai fini del nuovo Campionato Sociale, "solita" vittoria di tappa di Fipilli con 1008 p.ti.

Ciao e grazie.

ADMIN

giovedì 8 ottobre 2015

Campionato Sociale.

Ciao a tutti,

allora, ieri sera si è "finalmente" concluso il nostro Primo Campionato Sociale.

I numeri hanno sancito come vincitori il "nonno volante" Fipilli, per i maschietti, e "nostra signora dei viaggi" Lavinia per le Ladies.

Il premio fedeltà sarà da aggiudicare tra Santambrogio e Valerio entrambi con 10 presenze:
come da regolamento dovrà essere un sorteggio a stabilire il vincitore.
Io proporrei una sfida a "singolar tenzone" ma su che base?
Non possiamo di certo fare come nel film "Altrimenti ci Arrabiamo" (birra e wurstel per una Dune Buggy) perchè Valerio è totalmente astemio o sfida a duello dietro al convento delle Carmelitane Scalze come nel romanzo dei "Tre Moschettieri" perchè:
  1. non ci sono più monache di clausura
  2. dubito che si riuscirebbero a trovare dei testimoni... "capisci a me!"
Vabbè, sarà il solito Politburò a prendere la decisione finale.

Veniamo a ieri sera adesso:

ero straconvinto che saremmo stati in pochi a correre in pista ed invece i numeri hanno mi hanno smentito, per fortuna.
Devo dire che ho avuto tantissimo piacere nel vedere volti nuovi aggregarsi al gruppo (Marco, Claudio, Peppe e Marco2), che la lotta è stata serrata e che io sono riuscito a correre senza male al piede... ma che purtroppo tanti dei più anziani del gruppo per tutta una serie di cause erano invece assenti, si rifaranno sicuramente e ne sono straconvinto.
Mi consola rammentare che fino a poco tempo fa si andava a far gara in tandem o addirittura in monopattino ed ora invece stiamo facendo anche reclutamento e questo è sicuramente l'aspetto più gradito.

Di seguito l'ordine di arrivo:




BUON NUOVO CAMPIONATO SOCIALE.

ADMIN.

martedì 6 ottobre 2015

Campionato SOCIALE 2015-2016 - RETTIFICA REGOLAMENTO

Ciao,

dopo una notte insonne e dopo aver consultato il POLITBURO che governa e regola lo svolgimento nel nostro Campionato Sociale i suddetti "membri" nella figura del sottoscritto, dell'admin, di Roberto e Petrozziello, ho stabilito che:
  1. il calcolo dei punteggi per gara rimarrà invariato (quindi tabelle di categioria Fidal come scorso campionato)
  2. ad ogni gara (conclusa) verrà assegnato un gettone presenza di ulteriori 100 punti
  3. al termine del Campionato Sociale verrà assegnato un SUPERBONUS di 250 punti per i soli atleti che completeranno le 10 prove in calendario
Così stabilito in quanto si è constatato che in alcune gare sono stati attribuiti davvero pochi punti a causa del maltempo, della difficoltà del percorso e per premiare (oltre incentivare gli altri) chi si è impegnato ad esserci a prescindere dal risultato ottenuto.


AUGH!!!

Admin.

p.s.: a lato è pubblicato il nuovo regolamento.

lunedì 5 ottobre 2015

Campionato Sociale

Ciao,

come sapete Mercoledì 07-10-2015 concluderemo il campionato sociale 2014/15 e comiceremo contestualmente anche il nuovo 2015/16.
Ho pubblicato a lato il nuovo calendario che sostanzialmente non si discosterà più di tanto da quello che andremo a terminare.
Ho sostituito, di fatto, la sola tappa del giro del Varesotto (serale di 5km) con la Roccolo Run degli amici di Canegrate di 10km.
Tutte le altre tappe sono rimaste inalterate e anche la determinazione dei punteggi seguirà lo schema attuale.
La mezza rimarrà con data libera purchè corsa entro i termini del nuovo campionato sociale.

Ciao e buone corse a tutti.


ADMIN.


domenica 4 ottobre 2015

CORRICONDANILO.....E NON SOLO !

Ciao ragazzi/e
Ieri, come tutti voi sapete,si è corsa ed ho corso  la “CORRI CON DANILO” .
Vi inoltro questa mail perché vorrei condividere con voi l’emozione ed il piacere che ho provato nel correre con un grande atleta : GIACOMO LEONE.
Giacomo è stato l’ultimo Italiano a vincere la maratona di New York nel 1996, 5° alle Olimpiadi di Sydney del 2000 e tutt’ora detentore del record Italiano di maratona con 2:07:52 ottenuto a OTSU in Giappone nel 2001.
Infatti verso il 4° chilometro ho raggiunto Giacomo e Francesca che correndo si scambiavano commenti sul suo passato glorioso.
Non ho perso l’occasione e mi sono unito a loro per carpire i segreti di questo grande atleta Italiano.
Sapete come è stato il suo ultimo lavoro tecnico 10 giorni prima della maratona di OTSU ?
7 volte i 3000 m.con recupero di 1000 m.
Ci ha raccontato che i 3000 m. li ha fatti tra 3:03 / 2:58 e poi ha chiesto a me e Francesca di indovinare il tempo di recupero sui 1000 m.
Francesca : 4:00
Giacomo : no
Io : 4:10
Giacomo : no
Io : 4:20, ancora no!
Risposta : 3:12 .Impressionante!!!!!
Così tra un racconto e l’altro siamo giunti tutti e 3 al traguardo, chiudendo a 39:52
Ciao
Gianluigi