In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

domenica 13 aprile 2014

La mia mezza di Genova

Adesso bello seduto sul mio letto a scrivere questo post posso dire che sono veramente soddisfatto.
E i motivi sono tanti. Avere corso oggi in modo oculato e con la testa una mezza maratona non banale, molto muscolare e con condizioni meteo buone ma condite da un alto tasso di umidità (pioggerellina a tratti e il mare a pochi metri dal percorso). Avere corso una gara bene organizzata che avevo proposto alla nostra società e che è stata accolta bene da tutti i miei compagni di corse che hanno portato in Liguria anche le loro famiglie. Essere tornato a correre una mezza maratona dopo tre mesi di stop per una tendinite al ginocchio sinistro e con soli 235 km percorsi per prepararla in 9 settimane. E correrla in poco più di un'ora e quaranta finendola in progressione mi dà tanta fiducia.
Partiamo però dalla partecipazione in massa della nostra società con tanto di famiglie al seguito. Per uno come me, solo, è motivo di grande felicità avere intorno tante persone che poi ti danno tanto incitamento e ti aiutano a passare belle ore insieme. E poi correre con i tuoi compagni di società è sempre un piacere anche se capita che molti di loro devono sempre aspettare me al traguardo. Ho cercato di ringraziarli a modo mio quando mi hanno incitato e applaudito sul cavalcavia di Genova e anche al traguardo.
Veniamo alla gara; come detto organizzata molto bene, percorso ben segnalato e con i rifornimenti messi al punto giusto. Nessun problema con autisti frustrati o cittadini inviperiti perchè non possono attraversare la strada. A Genova ti applaudono e ti incitano (TUTTI). Domanda: ma solo dalle nostre parti esistono gli idioti che invece ti insultano o provano a metterti sotto con la loro auto?
Il percorso è molto lineare, pochissimi cambi di direzione e solo due degni di nota perchè sono dei veri e propri giri di boa (alle due estremità del percorso, est e ovest). Sembra ideale per essere veloce, ma il problema è che non è mai completamente piatto, ANZI ! La famosa sopraelevata è la parte più tosta, molto tecnica e che necessita di tanta testa per essere vinta (ognuno con le sue possibilità di tempo). Un signore che in parte l'ha percorsa con me mi ha detto che è peggio del ponte della libertà di Venezia.
Nonostante ciò personalmente credo di avere corso bene in tutte le fasi di gara, giustamente non forzando nella prima parte e dosando le forze perchè la salitella spezza ritmo o il falsopiano erano sempre in agguato.
In conclusione speriamo che questa esperienza di trasferta di gruppo sia solo la prima di tante future per la nostra società e che magari la prossima ci siano altri compagni (e compagne - dove erano le nostre donne atlete?) in più.
Un saluto
Alain



3 commenti:

Unknown ha detto...

daccordo con alain.gara tosta muscolare organizzata bene.ristori abbondanti.grazie alle donne al seguito ci hann incitate e sostenuti parecchio.grazie al supporto di max biondo.(mi dispiace che non ha corso) la 2 giorni di genova è teandata bene(divertente)grazie a tutti

Lavinia ha detto...

Bravo Alain, le donne atlete erano a casa a fare il tifo!! Bravi tutti!

Luis ha detto...

Bravo Alain, hai ripreso alla grande!
Complimenti a tutti i ragazzi, siete stati fortissimi!