In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

martedì 18 febbraio 2014

La mia 22km della Valmorea

Ciao.
Al solito non so mai come cominciare... ma è probabile, possibile, auspicabile che il ragionamento possa andare bene anche come analisi inviduale in preparazione della vostra mezza.
Proverò, quindi, a snocciolarvi solo una serie di considerazioni e dati per capire il perchè e il percome delle cose e, soprattutto, per suggerirvi di fare quanto vi si consiglia e non quello che fanno... io, per esempio.
Considerazioni:
  1. Partenza senza riscaldamento... (MALISSIMO): hai voglia di dire che è solo un allenamento, quando hai il pettorale è sempre gara, se poi piove come Domenica... al nastro di partenza devi arrivarci al meglio. (MALE).
  2. Andatura sempre appena al di sotto del "limite": altro errore. Andare di conserva (soprattutto se si è senza riscaldamento, vedi punto 1)... la distanza è lunga, molto lunga e i "cadaveri" cominci a raccoglierli dopo il 15mo Km, se non "muori" prima tu... (MALE). Io ne ho passati 6/7 gli ultimi 6 km (QUESTO, invece, E' BENE) ma alla fine ero davvero stanco (MALE).
  3. In funzione della data prevista (tra n settimane), ricordarsi che il ciclo di allenamento deve andare in "crescendo" (BENE) e non si devono sprecare mai energie (MALE), anzi bisogna sentire le stesse che poco alla volta danno maggior vigore (SEMPRE BENE) e non il contrario (MALISSIMO).
  4. ....
  5. ....
  6. and so on....
Allora, per me la mezza non è un obiettivo (e forse non la farò neanche) e così la gara di Domenica posso considerarla a tutti gli effetti un semi-successo confermato anche dai dati scaricati dal GPS, altrimenti ho solo sprecato energie (e infatti ieri sera ero piuttosto sulle gambe...) che più avanti potrebbero servirmi.
Ora i dati:
  1. Il GPS ha rilevato la distanza di 22,31km alla media complessiva di 4'06" al km. (BENE)
  2. Dal grafico ho rilevato che i km più lenti sono coincisi con le salite, meno male (BENINO)
  3. Dalle classifiche ho rilevato che l'8vo (eravamo assieme, intorno alla 20ma posizione al 12mo km) mi ha dato oltre 2 minuti negli ultimi 10 km... (BRRRRRRR.....)
  4. causa fatica (più mentale che fisica, ricordarsi che va allenata anche la prima...) mi è mancata la volontà di uno sforzo supplementare per superare i 2 appena davanti a me negli ultimi 150mt. e per un ex-ottocentista NON E' BENE, visto che ormai ero in gara si doveva completare lo sforzo
  5. e ora i parziali chilometrici: 3'57"+3'34"+3'58"+3'59"+4'00"+4'05"+4'02"+4'05"+4'13"+4'08"+3'56"+5'12"+4'01"+4'28"+3'54"+4'04"+3'45"+3'55"+3'49"+4'01"+4'37"+3'53"+1'15"
  6. ...l'ultimo km non l'ho corso in 1'15" (magari, meglio di uno scooter) ma sono gli ultimi 310mt.
Se vi siete annoiati sparate al pianista, sappiate solo che Domenica mi sono divertito un mondo.

Ciao.
Roberto.


2 commenti:

Valerio ha detto...

Tra il bene, il male, il malissimo e il brrrrr sono sempre tempi notevoli soprattutto considerando il tipo di percorso...........altra categoria !

Lavinia ha detto...

Domenica sera ho dato uno sguardo alla classifica, 14 posto assoluto accompagnato da un'ottimo tempo, complimenti!
Ora leggo il tuo post..Dottor Jekyll, dopo le lezioni teoriche impartite durante le riunioni societarie, hai completato la lezione con: si fa // non si fa!
Divertente !! Disturbatissimo !!