In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

lunedì 22 dicembre 2014

Ammazzainverno - Invorio Superiore (NO)

Partiamo in 4, alle 7.30, avvolti da una fredda nebbiolina, ieri mattina, alla volta di Invorio Superiore (NO) (bel paesino immerso nella campagna collinare sopra Arona) confidando comunque di ricevere un caloroso abbraccio dal sole:

niente del genere... di più, molto di più...

Sole SPETTACOLARE, cielo terso e, anche se fa frescolino e gli acciacchi al piede sinistro si fanno sentire, la voglia di correre, anzichè scemare, aumenta.

Siamo Io, Davide, Pino e Max Biondo.
Arriviamo abbastanza in anticipo, parcheggiamo sul pratone ancora semivuoto, c'iscriviamo, beviamo il caffè e poi ci dedichiamo ad una breve passeggiata turistica ripercorrendo al contrario il tratto finale del percorso.

Indico agli amici la "cima Coppi" della mattinata... svetta da qualsiasi angolo del paese...
"Vedete?... dobbiamo arrivare lassù!!!",  mi mandano a fan... giro!

Percorriamo una salita e, sempre tenendo d'occhio la vetta, uno splendido cavallo bianco all'interno di un recinto sembra contento di vederci... e lo è, anche se in realtà ha pure "fiutato" il padrone che sta  per portargli la colazione... ma a noi è piaciuto ugualmente.

Ancora salitella e poi entriamo su uno sterrato, temiamo il fango e invece è tutto abbastanza asciutto... bene, al rientro in paese sarà il punto ideale per incominciare il lungo sprint finale: "Ci fosse Gallani, brucerebbe le suole delle scarpe", penso.

Fine della passeggiata turistica, riscaldamento, allunghi e pronti via.

Siamo in tanti (ho letto da qualche parte oltre 550), prima parte del percorso in verità abbastanza noiosa all'interno della zona industriale ma poi dopo un paio di km comincia uno dei più bei percorsi su cui abbia mai corso: mosso, asciutto/bagnato quanto basta, tosto con tratti dove poter rifiatare, arrampicata al Santuario lunghina ma corribile (peccato lo scarso periodo di forma... sempre mannaggia al piede... anzi a me stesso che non mi decido a prendere una pur minima decisione sul da farsi, tanto passerà... mah!!!) dove, anche se perdo 4/5 posizioni, non arrivo completamente "impiccato", posso recuperare nel tratto finale... in effetti qualcosa recupero ma non come vorrei...

Pazienza e chissenefrega, mi sono divertito, gli altri pure e quando al rientro verso casa ci reimmergiamo nella nebbia l'unico rammarico è quello di aver lasciato lo splendidio sole laggiù (o lassù?).


Ciao e Buon Natale a tutti.

Roberto.



1 commento:

Valerio ha detto...

Lo sapevo, l'unica volta che devo saltare una gara domenicale, non c'è fango e c'è pure il sole, mannaggia, comunque sempre bravi i presenti !!! Complimenti ciao