In Primo Piano

In Primo piano

23 Maggio - "Giro del Varesotto" - 1° tappa Besnate

buone corse a tutti !

Promemoria per tutti i tesserati Fidal:

Attenzione, si ricorda che bisogna consegnare alla Società copia ORIGINALE del certificato per l'agonismo rilasciata dal centro di medicina dello sport.

lunedì 18 maggio 2015

Helirunner Relay Run - 17 Maggio 2015

Ciao a tutti,

è da un pò che non vi tedio con qualche mio post ma visto la bella staffetta organizzata alla grande da Alessandro Marcandalli e dal suo staff ieri a Cascina Costa nei pressi del Museo dell'Augusta mi sembrava il caso di riprendere la tradizione.

Partiamo alla volta di Samarate in 3: io, Valerio e Davide.
Al solito, un  minimo di tensione (non è vero!!!) pre-gara ci attanaglia soprattutto me e Valerio che siamo gli "storpi" della compagnia...
Tutto svanisce in fretta nei pressi del ritrovo: organizzazione impeccabile, sopralluogo del giro che rinfranca e soprattutto lo spirito cameratesco che si rinsalda, tipico delle corse a squadre.
Troviamo volti noti e non, alcuni ottimi interpreti delle gare delle nostre zone, li ad affinare i meccanismi dell'imminente Giro del Varesotto: niente di meglio di qualche  "fuori giri" su ripetute da 1500/3000 mt come qualcuno tra i più competitivi ha fatto... beati loro.

Comunque, timori a parte (per il mio piede e la caviglia di Valerio), allo start si parte a "cannone" nei limiti del possibile e ben sapendo che si dovrà ripetere lo sofrzo per almeno altre 3 volte... e senza allenamento...
All'inizio la temperatura è più che accettabile ma col passare dei minuti e delle frazioni la calura sale e comincia a fare davvero caldo, si gronda e si fatica a respirare, le gengive fanno male dall'accumulo di acido lattico e dallo scarsissimo allenamento ma alla fine dell'ora arriva la parte più gradita: doccia e poi pasta party presso la pinetina messa a disposizione per l'evento.

Una figata!!! Immersi nel verde, al fresco delle piante: pasta, salamella 2 birre fresche... e chi ti ammazza... volendo ci sarebbe stato spazio anche per la pennichella su un'amaca...
E il male al piede? poi ci penserò... per ora me la godo davvero.

Infine ci siamo permessi di suggerire all'infaticabile Alessandro, se dovesse ripetere l'evento, di non accavallarsi con altre manifestazioni di maggior richiamo in modo da partecipare con più squadre anche noi, ne è valsa davvero la pena, credetemi.

Una menzione speciale per Davide: si è sacrificato nel fare una frazione in più segno di grande stato di forma e spirito di abnegazione.

La nostra classifica? Non avrebbe importanza ma per gli amanti delle statistiche: dodicesimi su cinquantasei squadre, non male direi, giusto?

Ciao.

7 commenti:

Valerio Lunghi ha detto...

E allora !!!!!!
Tanta fatica, un pò male al piede, ma che bello è tornare a competere e soprattutto a correre in compagnia !!!

Lavinia ha detto...

Braviii!

giuseppe colavecchio ha detto...

complimenti a tutti e 3 ranners.nonostante gli acciacchi vi siete difesi molto bene.il premio era il ritorno alla gara e la salamella finale.adesso sotto alla 12x1 ora di busto.

carlo Sozzi ha detto...

Bravi ,sono felice per i due convalescenti che hanno ripreso la loro attività. Come dice Valerio 'BUONE CORSE A TUTTI'

carlo Sozzi ha detto...

Bravi ,sono felice per i due convalescenti che hanno ripreso la loro attività. Come dice Valerio 'BUONE CORSE A TUTTI'

Alessandro Marcandalli ha detto...

Grazie dei complimenti, ma ora vi prego di segnalarmi anche le lacune (...dell'intasamento nella zona cambi me ne sono già accorto): servono per cercare sempre di migliorare.

A riguardo dell'accavallamento delle gare non ne abbiamo colpa, abbiamo definito la data lo scorso novembre con la prenotazione della pinetina :)

Roberto ha detto...

Ciao Ale,

per la data della gara ne abbiamo già chiacchierato insieme Domenica dopo pranzo e purtroppo a volte bisogna anche accettare le concomitanze tanto è quasi impossibile accontentare tutti.
A me, personalmente, le staffette piacciono tantissimo e l'idea di partecipare in tanti mi "acchiappa" un sacco.
L'intasamento in zona cambio è fisiologico e, sempre personalmente, è un "fastidio" (solo per gli agonisti puri) più che accettabile, credimi.
Ecco, si, in effetti una sola nota stonata l'ho trovata... fai predisporre le amache in pinetina alla prossima edizione, e che cavolo!!!
Un caro abbraccio e continua così, complimenti davvero!!!

Roberto.